Guiderdone aspetto avere

Versione stampabilePDF version

Repertorio: RMS
Manoscritti e stampe: Vaticano Chigiano L. VIII. 305, cc. 78v-79r (D -230, sigl. Ant.)
                                   Vaticano Latino 3793, c. 1v (A -3, sigl. Ant.)
                                   Firenze, Accademia della Crusca 53, cc. 144r-145v (Ba3, sigl. Ant.)
                                   Banco Rari 211, cc. 17v-18r (C -27, sigl. Ant.)
                                   Bolognese Comunale dell'Archiginnasio Mss. B (3467), cc. 55v e 39v, solo                                    Incipit (Ba5)
                                   Trissino, Poetica, cc. 17v e 26r solo il primo verso, 26r solo vv. 7-10 e 35r                                      solo vv. 1-14 e primo (Tr, sigl. Ant.)
                                   Marciano it. IX 292 (6097), pp. 103-105 (Mc9)
                                   Bolognese, Biblioteca Universitaria 2448, cc. 92v-93r (Bo8)

Metrica: a8  a8  b4c8c8  b4d  e  d (e)F, g  h  g (h)F. Canzone di quattro strofe singulars, ciascuna di quattordici versi (di cui il primo di II, III e IV potrebbe forse classificarsi come novenario, secondo Antonelli 1979, p. 41), organizzate econdo il suddetto schema. Allacciamento capfinit tra II e III con A; probabile, ancorché lontana, disperanza tra I e II; con C e D il sintagma fina donna in V potrebbe rintracciarsi in III, estendendo rapporto di solidarietà con I-II; probabile collegamento a distanza (quindi omogeneità con le altre strofe) di fera tra III e IV. Per la possibilità di leggere in «sirma variabile» la strofa III, secondo i codici D e Ba3 (-ate), si rinvia ad Antonelli, Ripetizione di rime, «neutralizzazione di rimemi», in Studi in onore di S. Debenedetti, p. 184, in cui v'è una disamina del problema.
Edizioni: Nannucci 1883; D'Ancona-Comparetti 1875-1888; Wiese 1928; Langley 1915; Tallgren 1939, pp. 318-338; Guerrieri Crocetti 1947; Lazzeri 1954; Salinari 1951; Vitale 1951; Panvini 1955; Contini 1960; Panvini 1964; Antonelli 1979; Antonelli 2008.